MARATONA DELLE ACQUE

0 Condivisioni

Amici dei bradipi e della corsa domenica 13 Giugno siamo andati tutti a Terni, terra a noi cara per le molte manifestazioni podistiche spesso organizzate. Questa volta siamo andati a correre la Maratona delle Acque. Splendida gara di 20 e 7 km organizzata intorno alla Cascata delle Marmore. Sulle origini della cascata c’è una leggenda, solitamente raccontata da una creatura fatata. Una ninfa di nome Nera, si innamorò del giovane pastore Velino, per i due era difficile frequentarsi perché appartenevano a due mondi troppo diversi. Giunone, infuriata, trasformò la ninfa Nera in un fiume perché aveva trasgredito le regole che non consentivano l’amore con gli esseri umani. Velino si gettò a capofitto dalla rupe di Marmore credendo che Nera stesse annegando in quelle acque che prima non c’erano. Giove, per evitargli morte certa, durante il volo lo trasformò in acqua, così da salvarsi e ricongiungersi con Nera per l’eternità.
Tornando alla gara, dopo un primo tratto su strada ci siamo immersi in questa natura affascinante, ricca di flora e fauna unica.
Tutto questo però non ha alleggerito la fatica dell’interminabile salita, prima su strada e poi nella boscaglia, con una pettata verticale di circa 1 km di scalini, che a fine gara è “rimasta nel polpacci” degli atleti.
Finito questo tratto ci si ritrova davanti al punto più alto, con un Belvedere di fronte alle cascate, e si rifiata un po, per poi rientrare nel strada bianca per altri 2.5 km di salita, si sale sempre! e poi si scende in picchiata per un primo tratto, fino ad arrivare a Terni.
I risultati sono stati entusiasmanti. Piano ma arriviamo 1a squadra classificata, Minici 3° assoluto, Iossa 1° di categoria, Migliorati 2° di categoria, Coianiz 1° di categoria, Mancuso 4° di categoria, M. Mercuri 2° di categoria. Per le girls, Lisa Magnago 5a di categoria. Tempesta Mario e Tiziano Mercuri, entrambi 2° categoria alla 7km.
Ma non finisce solo con la gara, prima di effettuare le iscrizioni avevamo già prenotato un ristorante e quindi tutti a tavola per ridere, scherzare, commentare la gara,  mangiare, trovarsi tutti insieme e divertirci per creare ancora più gruppo e non pensare solo al risultato che per noi non è vitale.
Notizie da altre gare: La nostra Luisa Lombardi a Verona, alla “Giulietta e Romeo half marathon” in un caldo afoso si è letteralmente sudata la sua medaglia, portando a termine  la gara.
Edith, sempre in gara nelle lunghe distanze  ha corso a tutta birra, alla corsa della birra  appunto, raggiungendo i 43 km che con i bonus birra sono diventati 50!.
Bravissime le nostre atlete.
Domenica sera presso lo Stadio Nando Martellini al 5000 Fagnani qualche bradipo si è messo in gioco dando il massimo, Vischetti,  Reali, e Primerano Mirarchi hanno lasciato libere le gambe dando il massimo nelle relative batterie concludendo la domenica podistica.

Anche questa domenica rimarrà con un sorriso nei nostri ricordi, facendo in modo di lasciare il più possibile alle spalle il momento buio da cui ci stiamo affrancando.

0 Condivisioni