MARATONE DI RAVENNA ATENE TORINO E MEZZA DI NAPOLI

0 Condivisioni

Salve amici

I bradipi questo fine settimana si sono dati alle lunghe distanze. Molte le Maratone conquistate.
A Ravenna ci sono distanze per tutti, si parte il sabato con le Dog run e Family run per passare alla domenica con Maratona, mezza e 10,5 km. Circa 10mila iscritti agli eventi. I bradipi presenti sono Francesco Pietrella che corre da Pacer, Francesca Marchetti, Dany Maratea, Alessandro Vischetti per la Maratona, Vincenzo Addelio per la mezza. Ci si aspetta un tempo da lupi con nebbia e pioggerellina, ma sono tutti molto motivati a non farsi spaventare dal meteo, in genere i runners corrono con qualsiasi previsione vero? In effetti la mattina veniamo accolti da una fitta nebbia, ma l’entusiasmo che si respira mette tutto il resto in secondo piano. Finalmente si parte,  maratona e mezza insieme, una bella scia pervade le strade piatte della città e i suoi dintorni. La gara è molto veloce, c’è bisogno di una buona testa però, perchè le distanze sembrano raddoppiate dopo il 20° chilometro. Si parte direzione Darsena, si gira per il centro e poi due biscotti di cui uno che arriva nella zona marittima di Ravenna, davvero impegnativo per la testa. Per fortuna le previsioni questa volta hanno sbagliato perchè la nebbia sale e lascia il posto a un bel sole. Buoni i ristori e la musica che accompagna la scia. Correndo in un biscotto quando i gruppi di pacer si incrociano, si incitano e si salutano in vero stile bradipo! Francesco come Pacer è un metronomo, spacca il secondo delle 4he15, Francesca voleva fare meglio ma essendo il primo lungo è stata bravissima perchè ha portato a termine tutta la Maratona, nonostante dovesse fare “solo” 37 km. Stessa cosa per Dany, che però ha passato una pre gara davvero impegnativo avendo il telefono bloccato e impossibilitata a gestire la sua trasferta avendo tutto li dentro.  un po distratta un po preoccupata, la testa la saluta dopo il 33° km, ma anche lei supera il km 37 e finisce la gara. Vischetti fa un  ottima prestazione e abbassa il suo tempo di 11 minuti, Vincenzo da tutto nella mezza. Qualcuno riparte subuto per Roma qulcuno si gode una buona cena a Ravenna.
A Torino Piergiorgio Volterra sigla il suo PB di 3h52 nella sua prima Maratona, ovviamente molto emozionati arriva al traguardo raggiunto dai suoi pargoli mano nella mano per gli ultimi  metri.
Atene accoglie a braccia aperte Paulo Cossio che si avvicina sempre più a quota 100 (parlando di maratone), e chiude la sua numero 97. Tutti sappiamo che Atene è “la Maratona” per eccellenza, la storia narra appunto le gesta di Filippide che coprì la distanza facendo da messaggero a chiedere aiuto a Sparta. Filippide coprì in un giorno la distanza da Atene a Sparta. Gli spartani erano disposti ad aiutare gli Atenesi ma non prima di 10 gg. Filippide allora tornò indietro per avvertire i Generali Ateniesi. Quando poi, con un abile manovra, riuscirono a sconfiggere i Persiani, Filippide si precipitò ad Atene per annunciare la vittoria ed evitare che, temendo la sconfitta, la città fosse bruciata. Giunse ad Atene stremato, prima di morire riuscì a dire “siamo vittoriosi”.
Nel 1908, in occasione delle Olimpiadi di Londra, il percorso fu allungato in modo che la linea si partenza fosse situata al Castello di Windsor e il traguardo sotto la tribuna reale dello stadio di Londra. Da allora la distanza è rimasta invariata e fissata a 42,195 Km.
Lasciamo i brevi cenni storici per andare  a Napoli dove la nostra instancabile Luisa Lombardi e Jacopo Pretolani si accingono a correre rispettivamente la mezza e la Regina. Luisa dopo il suo tour gastronomico per la città chiude soddisfatta rimanendo in linea con i suoi tempi. Jacopo va veloce 20° su 244 assoluto,  2°premiato di categoria su 43 atleti, buon tempo per lui non avendola preparata. Prima edizione dopo 7 anni di assenza lascia un buon ricordo per il percorso caratterizzato da molti tratti sul lungo mare, e buona anche l’organizzazione.
Kenny Bogdan si da al Tibur ecotrail, 18 km di felicità e paesaggi mozzafiato ci dice, ottima anche l’organizzazione, credo proprio che il prossimo anno lo rifarà.
Tutti gli saltri hanno corso per la città preparandosi per i prossimi obiettivi. Daje Bradipi!!

 

0 Condivisioni